beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Tag: Sesamo

Treccia dolce ripiena… anzi Due

Si intrecciano mani, relazioni, trame, vite. Gli intrecci sono unioni. A volte si sciolgono, questi intrecci e queste unioni, spesso resistono: devono resistere! Dedico queste due dolci trecce, secondo la ricetta proposta dalla mia cara Eleonora (anche le nostre vite, in qualche modo, per caso o per destino, si sono intrecciate), alla memoria di un grande, che, da poco tempo, non è più qui: Shlomo Venezia z”l.

Cercatelo, nella rete, ascoltate le sue parole, leggete le sue testimonianze e i suoi libri… Meditiamo, “noi che viviamo sicuri, nelle nostre tiepide case”, affinché l’intreccio di storia, memoria e testimonianza non si sciolga più, resti legato per sempre, a evitare, per sempre, i mostruosi errori del passato.

 

Ingredienti per due Trecce (con piccole varianti alla ricetta di Ele, spiegata qui, che, senza ripieno, sono perfette per Shabbat)

  • 550 gr di Farina setacciata

  • 2 Uova bianche

  • 100 gr di Zucchero

  • 30 gr di Lievito di Birra fresco

  • 125 ml di Acqua tiepida

  • 110 ml di Olio extra vergine d’Oliva

  • 10 gr di Sale

  • un Tuorlo d’Uovo

  • un Cucchiaio di Acqua

  • Semi di Sesamo e Papavero

 


Ingredienti dei Ripieni

 

Per la Treccia rotonda:

  • 25 gr di Uvetta

  • 25 gr di Cranberries

  • 30 gr di Pistacchi tritati grossolanamente

  • 2 Cucchiai di Silan (Miele di Datteri)

Per la Treccia lunga:

  • 100 gr di Pasta di Datteri

  • 1 Cucchiaio di Fior di Frutta Fichi Rigoni di Asiago

  • 2 Cucchiai di Sciroppo d’Acero

  • 1 Cucchiaio di Cannella in Polvere

  • 1 Pizzico di Sale

 

Preparazione

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e far riposare una decina di minuti fino a far formare una schiuma. Mischiare la farina setacciata, il sale e lo zucchero. Aggiungere il lievito e cominciare ad impastare. Versare poi l’olio e per ultimo le uova, uno ad uno, fino a incorporarle completamente. Lavorare fino a che l’impasto si stacchi perfettamente dalla ciotola, lasciandola pulita.

Lasciar lievitare per almeno due ore, poi sgonfiare l’impasto e tagliarlo in due parti uguali. Tagliare poi ognuna delle parti in tre. Stendere su un piano infarinato ognuna delle parti lunghe circa 35 centimetri e larghe circa 15. Spargere il primo ripieno sulle tre parti e poi arrotolarle sulla lunghezza, in modo da ottenere tre “salsicciotti”. Intrecciare, poi ripetere l’operazione per la seconda treccia. Adagiare le trecce su una placca da forno unta di olio. Lasciare lievitare ancora due ore.  Sbattere il tuorlo d’uovo con un cucchiaio di acqua e spennellarlo sulla superficie; spolverare di semi di sesamo o papavero.

Infornare in forno caldo a 200°C per circa 15-20 minuti.

 

 

BETEAVON!

 

 

 

 

Con questa ricetta partecipo all’M.T.Challenge di ottobre e mai ricetta mi ha coinvolto di più!

Biscotti al Sesamo e Latte di Mandorla

Yom Kippur è il Giorno del Perdono e chiude i dieci giorni penitenziali da Rosh HaShanà. Un giorno solenne, di astensione totale da cibi e bevande dal tramonto del 9 del mese di Tishrì (oggi), fino alla sera del 10. Alla fine del digiuno, si servono biscotti, focacce, torte leggere, seguiti un po’ dopo dalla cena. Tra le bevande che accompagnano i rompi digiuno, tè, caffé e latte di mandorle, bevanda parve e bianchissima, a simboleggiare la purezza dopo l’espiazione.

Ingredienti per 12/14 Biscotti

  • 2 Uova
  • 2 Cucchiai di Zucchero
  • 4 Cucchiai di Olio extravergine
  • 8 Cucchiai di Farina
  • 1/2 Cucchiaino di Lievito per Dolci
  • 2 hg abbondanti di Semi di Sesamo

Preparazione

Battere bene le uova con lo zucchero e l’olio. Setacciare farina e lievito e unirli alle uova. Aggiungere il sesamo, mescolare tutto e, con le mani infarinate, fare delle polpettine schiacciate, da allineare su una teglia oliata e infornare a 175/ 180° per circa 15 minuti (devono essere dorati). Lasciare raffreddare e servire.

 

Ingredienti per 4 Bicchieri di Latte di Mandorla

  • 200 Mandorle pelate (sono circa 220 gr)
  • 1/2 Litro di Acqua
  • 1 Cucchiaino di Zucchero (facoltativo. Solo se lo si vuole più dolce)

Preparazione

Frullare alla massima potenza le mandorle con l’acqua scaldata a 37° (in cui si sarà sciolto lo zucchero, se aggiunto). Lasciare riposare una mezz’ora, poi filtrare con la garza. Se non si usa subito, si conserva in frigo per due giorni e si beve freddo, dopo una bella agitata.

Zom Kal! (Che il digiuno sia lieve) e, dopo… BETEAVON!

Panini per gli Hamburger

Una settimana frenetica, ma ricca di eventi; qualcuno anche triste… fa parte delle esperienze della vita ed è, comunque, un arricchimento. Per quanto riguarda la cucina, un evento lieto e uno partito da triste e arrivato a essere divertente, proprio attraverso la preparazione di cibi. In aggiunta, ho avuto la mia lezione di kasherut, che è sempre una fonte di gioia per me, ho ricevuto la mia fornitura di prodotti kasher (molti di questi impossibili da trovare, anche qui a Milano) e ho comprato una fantastica cocotte di ghisa, in cui ho già cotto un delizioso e morbidissimo stufato, senza nessun grasso e con tante cipolle.

I Burger Buns (panini) di oggi li ho imparati al corso “tutto hamburger”,  che ho seguito mercoledì da Kitchen, sempre con l’ormai mitica Laurel. Per la mia preparazione, ho sostituito il burro necessario con uguale quantità di margarina, per renderli parve e poterli usare con la carne (sinceramente, il gusto e l’aspetto sono identici, anche perché la quantità di grasso è talmente minima, da rendere il panino perfetto in entrambi i modi). Cipolle, pomodori a fette, ketchup, senape e cetrioli completano il tutto per un perfetto (e sano) Hamburger Party casalingo.

ps. Due dritte per un hamburger perfetto: fare un incavo su una “faccia” della polpetta, per evitare che si gonfi a cupola, durante la cottura e, FONDAMENTALE, resistere alla tentazione di schiacciarla con la paletta mentre cuoce!

Ingredienti per 8 panini grandi o 10 piccoli

  • 180 ml di Acqua
  • 30 gr di Margarina ammorbidita
  • 1 Uovo
  • 450 gr di Farina
  • 50 gr di Zucchero
  • 1 Cucchiaino di Sale
  • 1 Bustina di Lievito di Birra secco istantaneo (Mastro Fornaio)
  • 1 Uovo sbattuto con un Cucchiaino di Acqua e Semi di Sesamo per la Copertura

Preparazione

Mescolare tutti gli ingredienti per l’impasto e lavorarlo per circa 10 minuti, a mano o nell’impastatrice, finché sia soffice e liscio (io ho usato il Bimby, quindi 5 minuti, velocità spiga). Per accertarsi che sia pronto, provare il “window test“: tirare un pezzettino di pasta; se è della giusta consistenza, si vedrà la trasparenza in controluce. Mettere l’impasto in una ciotola lievemente unta, coprire con un telo e lasciar lievitare per circa 2 ore, in modo che raddoppi di volume. Dopo questo tempo, formare un salsicciotto e tagliarlo in otto pezzi. Formare dei dischi di circa 2,5 cm di spessore, metterli su una teglia unta e fare una seconda lievitazione di un’ora.Accendere il forno a 190/200°, spennellare i panini con l’uovo sbattuto e cospargerli di semi di sesamo. Cuocere finché sono dorati (dipende dal tipo di forno: da 15 a 30 minuti)

BETEAVON!