beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Tag: Polpette

La Minestra di Esaù (in versione “c’è quel che c’è”)

“Mamma abbiamo freddo, siamo stanchi, abbiamo studiato tutta la mattina e, soprattutto abbiamo fame! Cosa c’è per pranzo?” “La minestra di Esaù”. “Con le polpettine?” “No, con il riso e le lenticchie verdi, perché non avevo quelle rosse e neppure la carne”. “Pazienza, va bene, ma la prossima volta lenticchie rosse e palline”.

L’origine di questo piatto viene dalla storia biblica di Esaù, che vendette la sua primogenitura al fratello per una minestra di lenticchie. Si dovrebbero usare le lenticchie rosse perchè la Genesi dice che Esaù, quando venne al mondo, era tutto rosso e in più chiese a Giacobbe di mangiare “un po’ di quella roba rossa” e fu chiamato Adom, che significa, appunto, “rosso” . I miei figli, non avendo primogeniture da doversi contendere, si spartiscono in pace una doppia razione di minestra, di solito preparata con le lenticchie rosse decorticate, che non richiedono ammollo. Io preferisco usare il riso, facendone un primo piatto parve, ma, volendo una versione più ricca o che faccia da piatto unico, si può sostituire con delle polpettine di macinato (salate e pepate) rosolate  in un po’ d’olio, da aggiungere alle lenticchie a metà cottura.

 

 

Ingredienti per 6 persone

  • 500 gr di Lenticchie rosse (le mie erano verdi e le ho tenute a bagno la notte)
  • 1 Cipolla
  • 1 Spicchio di Aglio scamiciato
  • 1 Rametto di Rosmarino
  • 1 Foglia di Alloro
  • 1 Pizzico di Peperoncino
  • 1 Pizzico di Cumino
  • 6 Cucchiai di Olio extravergine
  • 6 Cucchiai di Passata di Pomodoro
  • 2 l. di Brodo vegetale
  • Sale e Pepe q.b.
  • 150 gr di Riso da Minestra (o 400 gr di Carne macinata, preparata in piccole Polpettine, da rosolare brevemente in Olio)

Preparazione

Preparare un trito con la cipolla, l’aglio, il rosmarino e l’alloro. Rosolarlo brevemente nell’olio e aggiungere le lenticchie ben lavate e scolate. Far insaporire, con i pizzichi di peperoncino e cumino, quindi aggiungere il brodo e la passata. Lasciar sobbollire per circa un’ora e mezza, aggiustare di sale, versare il riso e portare a cottura. Non guasta, una volta sevita la minestra, un leggero giro di olio a crudo e una macinata di pepe.

BETEAVON!

 

 

 

Polpettine di Spinaci e Crostini

Vorrei poter dire che questa è stata una settimana di fuoco, una di quelle in cui non si ha tempo di respirare, perchè bisogna fare qualcosa di più urgente e improrogabile prima. Il problema è che, per tutto giugno e luglio, ogni settimana sarà ancora più impegnata e di corsa. Purtroppo non c’è solo la cucina, che sarebbe un piacere, ma, soprattutto, una serie di incombenze burocratico-amministrative-scolastiche, che ti levano ogni energia, pure la voglia di rilassarti tra le pentole e la farina. Ci sono sere che arrivo all’ora di cena tentata da qualcosa di pronto e precotto, poi dico che no, proprio non si può, anche se con queste polpettine ci sono andata molto vicina, ma almeno il gusto è salvo. Mi sa che arriverò alle vacanze, se non crollo prima, totalmente in apnea. Voglia di riprendermi un po’ di tempo, senza dover sempre pensare al tempo!

 

 

Ingredienti (per 12 Polpette)

  • 1 Busta di Spinaci surgelati (450 gr) ben strizzati
  • 100 gr di Parmigiano grattugiato
  • 1 Cucchiaio di Fiocchi di Cipolla disidratati
  • 1 Uovo intero sbattuto leggermente
  • 60 gr di Cubetti di Pane tostato
  • 50 gr di Burro fuso
  • 1 Spicchio grosso di Aglio (o 2 piccoli) tritato
  • 8 Gocce di Tabasco

 

Preparazione

Portare il forno a 200°. Bagnare e strizzare un foglio di carta da forno. In una larga ciotola, mescolare bene tutti gli ingredienti e formare 12 polpettine, strizzandole ancora un po’ per eliminare eventuale acqua residua degli spinaci. Mettere le polpettine sulla carta e infornare per circa 20 minuti, girandole a metà cottura. Lasciare raffreddare nel forno spento e servire a temperatura ambiente. Se si volessero surgelare, farlo prima di cuocerle.

NB. Non ho messo sale, perché sono già saporite così. In caso si gradisse, salare in superficie prima di servirle

BETEAVON!