beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Tag: Pita

Fattoush Libanese

_DSC0318

Fattoush, in lingua araba, significa pane spezzettato, sbriciolato. Definire questa  preparazione una semplice insalata di contorno è limitativo. E’ ricca, fa da piatto unico e non sarà da Belle Époque del Ritz, ma, quando ho visto la Caesar Salad del simpaticissimo(e pure bellissimo) Leo, nonché marito della grandissima Mai, ho pensato che questa sarebbe stata la mia proposta per l’M.T.C. di giugno 2013. E allora diamo alla Caesar quello che è della Caesar e al Fattoush libanese (che esisteva da moooolto prima della Caesar) tutti gli onori che si merita!… E spero, a breve, di riuscire a pubblicare anche la stupenda versione rivisitata da Yotham Ottolenghi, ancora più ricca… Altro che Belle Époque!!

 

Ingredienti per 4 Persone

  • 2 Pomodori maturi

  • 1 Cetriolo medio non pelato

  • 1 Cipolla rossa di Tropea

  •  Un cuore di Lattuga romana

  • 15 Foglie di Prezzemolo

  • 15 Foglie di Menta

  • 1 Pita (la mia era gluten free, fatta seguendo la ricetta, ma sostituendo la farina con il Mix per Pane della Schär) o due fette di pane tipo pugliese

Per la Citronette:

  • 6 Cucchiai di Olio EVO

  • Succo di Limone a piacere (da 1/2 a 1 Limone spremuto, a gusto)

  • 2  piccoli Spicchi d’Aglio fresco

  • 1 Cucchiaino di Sale fino

  • 1 Cucchiaino di Sumac in polvere più qualche pizzico da mettere sull’insalata

Preparazione

Iniziare con la citronette, che si può preparare con anticipo e dura alcuni giorni in frigo: Pestare l’aglio e il sale nel mortaio, fino ad ottenere una pasta omogenea. Aggiungere il succo di limone, il sumac e l’olio ed emulsionare con una frusta

_DSC0306_DSC0309

Tagliare le striscioline di pita e tostarle (senza bruciarle) in forno. Quando saranno pronte, spezzettarle e tenerle da parte.

_DSC0313

Lavare bene e controllare il cuore di lattuga, asciugarlo, tagliarlo a striscioline e disporlo nell’insalatiera. Lavare con cura e controllare le foglie di menta e prezzemolo e tutte le altre verdure. Tritare grossolanamente la menta e il prezzemolo e tagliare pomodori, cipolla e cetriolo a dadi della stessa misura (ho usato l’attrezzo apposito, a griglia 0,7 mm, quella media). Aggiungere tutte le verdure tagliate nell’insalatiera, condire con metà della citronette e mescolare. Aggiungere i pezzetti di pita tostati, rimescolare e condire con il resto della citronette. Lasciar riposare una decina di minuti per amalgamare i sapori, aggiungere qualche pizzico di sumac e servire.

BETEAVON!

_DSC0316

 

ob_7badf7_caesarsalad-mtc-banner-ok

 

 

 

Pita

Le pitot (plurale di pita) sono i “panini” più buoni e versatili del mondo. Si possono farcire con tutto quello che si ha o si vuole e sono un binomio inscindibile con i falafel e il kebab. E’ facile e rapido prepararle in casa (riescono sempre bene!) e possono essere congelate, per avere sempre una scorta di questo fantastico pane diffuso in tutti i paesi mediterranei, del Medio Oriente e del Nord Africa.

 

 

Ingredienti per 10 Pitot

  • 600 gr di Farina setacciata
  • 20 gr di Lievito di Birra
  • 1 Cucchiaino di Sale fine
  • 1/2 Cucchiaino di Zucchero
  • 1 Cucchiaio di Olio EVO
  • 300 gr circa di Acqua (dipende dalla Farina)

 

Preparazione

Sciogliere il lievito di birra in un po’ di acqua tiepida assieme allo zucchero. Lasciare riposare una quindicina di minuti. Mettere la farina, il sale e l’olio nella planetaria o sulla spianatoia. Aggiungere il lievito sciolto e cominciare a impastare, aggiungendo acqua poco alla volta, fino a ottenere una pasta soda ed elastica. Trasferire in una ciotola infarinata, coprire con un canovaccio e lasciare lievitare in luogo caldo e non umido per un’ora abbondante (la pasta avrà un volume di circa il doppio)

 

 

Dopo la lievitazione, accendere il forno a 250°, dividere l’impasto in 10 parti e stendere ciascun panetto con il mattarello per renderlo sottile.

 

 

Infornare le pitot a due o tre per volta su una teglia infarinata leggermente e lasciarle cuocere per pochi minuti (si gonfiano in meno di dieci minuti).

 

 

Sfornare, aprire la tasca e farcire a piacimento. Ideale con falafel, hummus e verdure fresche!

BETEAVON!