beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Tag: Menta

Foglie di Vite ripiene all’israeliana

Simili alle dolma greche, ma il ripieno di riso e agnello è arricchito da frutta secca, che conferisce il classico sapore mediorientale. Questa ricetta è adattata dall’originale di Daniel Rogov, il più famoso critico enogastronomico israeliano, recentemente scomparso a Tel Aviv.

 

 

Ingredienti per 12 Involtini

  • 12 Foglie di Vite fresche e tenere, della dimensione di circa un palmo (si possono usare anche quelle in Barattolo)

  • 150 gr di Riso a chicco lungo (crudo)

  • 300 gr di Agnello (o Manzo) macinato

  • 6 Prugne secche denocciolate

  • 50 gr di Uvetta

  • 30 gr di Pinoli

  • 1 Cucchiaio di Prezzemolo tritato

  • 1 Cucchiaio di Menta fresca tritata

  • 1/2 Cucchiaino di Paprika dolce (o Curcuma, nell’originale)

  • 4 Cucchiai di Olio extravergine

  • 1/2 Cucchiaino di Sale fino

  • 1/2 Cucchiaino di Pepe nero macinato al momento

  • 1 grosso Limone tagliato a fette sottili

  • 1 Bicchiere di Acqua

Preparazione

Se si usano le foglie fresche, lavarle bene e poi immergerle in acqua bollente per 5 minuti; per quelle in scatola: lasciarle a bagno 5 ore in acqua fredda. Scolarle e tamponarle con uno strofinaccio. Tritare grossolanamente le prugne, l’uvetta e i pinoli. In una ciotola, mescolare tutti gli ingredienti eccetto le foglie di vite, l’olio e il limone

 

Con l’impasto, farcire al centro le foglie di vite, che verranno arrotolate, ripiegando i bordi all’interno.

 

Foderare il fondo di una teglia con metà delle fette di limone e disporre sopra le foglie ripiene. Coprire con il resto delle fette di limone, versare l’olio e l’acqua

 

e cuocere in forno caldo a temperatura media (160°) per un’ora. Si possono servire sia calde che fredde, come antipasto, primo o secondo piatto.

BETEAVON!

 

 

Branzino affumicato con Salsa di Pinoli e Capperi

Un piatto velocissimo per quando si ha fretta, estivo e, soprattutto, senza bisogno di accendere forni o fornelli! Le dosi si riferiscono a un secondo piatto, se si volessero servire come antipasto, dimezzare le quantità.

Ingredienti per 2 Persone

  • 200 gr di Filetti di Branzino affumicati (Cromaris certificati per me)
  • 6 Pomodori ciliegino
  • 40 gr di Pinoli
  • 40 gr di Capperi dissalati
  • 10 Foglie di Menta ben lavata
  • 1 Manciata di Foglie di Prezzemolo ben pulite
  • 4 Cucchiai di Olio extravergine
  • 3 Cucchiai di Succo di Limone
  • Sale e Pepe nero q.b.

Preparazione

Lasciare i filetti di branzino a temperatura ambiente per 15 minuti, per far sviluppare tutto il profumo dell’affumicatura, intanto dividere i pomodori in quattro spicchi, eliminando i semi. Frullare grossolanamente tutti gli altri ingredienti, per ottenere la salsa. Impiattare i filetti, dopo aver levato loro la pelle, con i pomodorini a lato. Condire sia il branzino che i pomodorini con la salsa. Decorare con qualche cappero e pinolo.

BETEAVON!

 

Melanzane in Concia

Direttamente dall’abbondante produzione casalinga, dopo averle consumate trifolate, panate e fritte, in caponata, come sugo per la pasta, ecco l’ultima versione fresca, adatta alla stagione. Prima della fine di agosto, se continua così, mi sarò trasformata in un grande chatzil, una melanzanona!

 

 

Ingredienti per 4 Persone

  • 4 Melanzane tonde belle sode
  • 4 Spicchi di Aglio
  • Olio extra vergine per friggere
  • 1 dl di Aceto balsamico (Carmel Mazzetti o Bartenura)
  • Abbondante Menta fresca
  • Sale grosso per far spurgare le Melanzane

 

Preparazione

Pulire bene le melanzane e tagliarle a fette spesse circa 1/2 centimetro. Metterle in uno scolapasta, spargendo sopra il sale grosso, coprirle, mettere sopra un peso e lasciarle riposare per due ore, in modo che espellano la loro acqua di vegetazione (che è amara).

Trascorso questo tempo, sciacquarle, strizzarle bene e tamponarle con carta assorbente, poi friggerle in olio bollente, facendole dorare bene, ma senza che si brucino. Metterle a scolare sulla carta, per far assorbire l’olio, quindi sistemarle a strati in una terrina, alternandole con fettine di aglio sottili e foglie di menta ben pulita e lavata.

Irrorare con l’aceto balsamico, coprire, rimettere sopra il peso e lasciare marinare per almeno un’altra ora, in modo che l’aceto imbeva le melanzane.

Al momento di servirle, anche il giorno dopo, conservate in frigo o in luogo fresco, scolarle dall’aceto e disporle su un piatto da portata.

BETEAVON!

 

 

 

 

 

 

 

Cocktail Mimosa (Versione alcolica e non)…

 

… E suggerimenti per il Tintoretto, per uno o più cocktail da sorseggiare all’ombra, sdraiati a leggere un buon libro, ascoltando buona musica (o, almeno, per sognare le vacanze).  Per una versione da minorenne, o da astemio, sostituire la dose di prosecco, con pari quantità di Sprite o 7Up e accompagnare con un vassoio di tartine (l’ho servito con un accompagnamento di Carr’s Table Water, farciti con tonno, uova sode e maionese mescolati assieme).

 

 

Ingredienti per 10 Bicchieri da Cocktail:

Per il Mimosa

  • 250 gr di Succo di Arancia fresco e filtrato con un Colino
  • 1 Bottiglia di Prosecco (Bartenura, per me) da 750 cl. (o pari Quantità di “Gazzosa” per la Versione analcolica)
  • Una Fetta d’Arancia e qualche Fogliolina di Menta ben pulita per decorare

Per il Tintoretto

  • 175 gr di succo di Melagrana
  • 1 Bottiglia di Bartenura da 750 cl.

 

Preparazione

In una caraffa graduata, versare le quantità indicate di succo ben freddo d’arancia o melograno (filtrare tutto). Aggiungere il prosecco ghiacciato (o la Sprite ghiacciata), rimescolare e versare nei bicchieri da cocktail. Decorare con l’arancia e menta (per il Mimosa) e servire immediatamente.

 

BETEAVON!