beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Soufflé Glacé “Mille e una Notte”

 

Mille e una Notte, perché è una favola e anche perché gli ingredienti hanno quel “sapor mediorientale”, dolce dolce, sì, ma mai stucchevole. Per questo M.T. Challenge di luglio, una ricetta bella, fresca e facile proposta da Loredana, con una grossa difficoltà, almeno per me, che non è stata la preparazione della meringa italiana, quanto, piuttosto… fissare la carta forno intorno al vasetto!!

Per questa ricetta (per 7 porzioni abbondanti), mi sono tolta lo sfizio di calcolare le calorie: circa 300 a porzione, compresa la salsa al miele. Non è pochissimo, ma… metti una sera (d’estate) a cena, magari in terrazza, un taboulé o un riso alla persiana, questo soufflé glacé… e la linea di ogni Sharāzād è salva!

 

 

Ingredienti per la Meringa italiana

 

Ingredienti per il Composto

  • 250 gr di Ricotta
  • 200 gr di Yogurt bianco
  • 40 gr di Cioccolato al 72%
  • 50 gr di Pistacchi verdi

 

Ingredienti per la Salsa

 

 

Preparazione

Per prima cosa, ho iniziato a picchiarmi con il vasetto e la carta da forno per “creare” il contenitore. Dopo una mezz’ora di accidenti, ho vinto io e sono andata avanti, preparando la meringa italiana: ho montato a neve fermissima gli albumi, poi ho preparato lo sciroppo a caldo con l’acqua di fiori d’arancio, il miele e lo zucchero. L’ho incorporato a filo agli albumi, continuando a montare finché non si è raffreddato, ho coperto e riposto in frigo. Ho tritato pistacchi e cioccolato e ho incorporato il trito al composto di ricotta e yogurt mescolati assieme. Ho aggiunto al tutto la meringa italiana e ho versato nel perfido contenitore. Messo in freezer, è risultato di giusta consistenza dopo circa cinque ore. Tirato fuori un quarto d’ora prima di servire, ho eliminato l'”impalcatura” di carta forno e ho coperto con un leggero top di salsa al miele (miele sciolto a caldo nell’acqua di fiori d’arancio e poi lasciato raffreddare) e servito in vasetti più piccoli, monoporzione, con un piccolo ciotolino di salsa al miele per ogni commensale.

BETEAVON!

Con questa ricetta partecipo al M.T. Challenge di luglio, aspettando con gioia la ricetta di settembre e sperando che non richieda la costruzione di contenitori!!

 

14 commenti

  • alessandra · 18 luglio 2011 alle 09:21

    Sogghigno. Perchè io sono uguale uguale a te. dico sempre che quandi si è trattato di distribuire la manualità, io ero altrove, perchè sono la donna più imbranata del mondo.Non a caso, con tutta che il soufflé glacé mi fa impazzire, sul nostro blog è presente una sola volta- e indovina un po’ perchè…:-)
    Passando alla ricetta, wow, mi vien da dire. Fiori d’arancio e pistacchi sono un binomio a cui non so resistere- e anche le 300 calorie mi sembran poche :-)
    Contraccambiamo le buone vacanze1
    ciao e grazie ancora
    ale

    Rispondi

  • accantoalcamino · 18 luglio 2011 alle 09:38

    Ciao, vedo che anche tu hai avuto il problema della “costruzione” dello stampo, però l’ho risolto con un elastico e tutto è rimasto “glacè” 😀
    L’avevo visto stamattina su liquida e me ne sono innamorata subito, ai usato ingredienti che amo particolarmente, complimenti davvero :-)

    Rispondi

  • Le Rocher · 18 luglio 2011 alle 13:23

    Che dire?! E’ favoloso!

    Rispondi

  • loredana · 18 luglio 2011 alle 17:39

    Ancora mi fischiano le orecchie per le benedizioni che mi sono piovute, ma , visto il risultato, penso tu sia stata abilissima!
    proprio da mille e una notte questa versione e l’abbinamento di acqua di fiori d’arancio , miele e pistacchi mi sembra veramente interessante!
    buone vacanze loredana

    Rispondi

  • symposion · 19 luglio 2011 alle 18:32

    beh niente male il risultato 😛
    mi piace proprio, complimenti!

    Rispondi

  • Rosalba · 21 luglio 2011 alle 11:33

    Mi piace l’idea di poter ingurgitare una delizia del genere senza doversi preoccupare troppo della calorie!! Brava 😉

    Rispondi

  • miracucina · 22 luglio 2011 alle 17:48

    Buonoooooooooo!
    Copioooo!
    A presto.

    Rispondi

  • Poverimabelliebuoni/Insalatamista · 23 luglio 2011 alle 15:24

    Mille e una notte è un titolo perfetto per gli ingredienti utilizzati. Bell’armonia di gusti tra l’altro….e deliziosa la composizione nel vasetto di terracotta
    Piacere di conoscerti!
    Cristina

    Rispondi

  • Mai · 23 luglio 2011 alle 23:03

    Anche io ho problemi con questo MTC, ma non con il cordoncino bensì con i dolci in generale, NON ne vado matta… la tua versione mi piace tanto, sarà per quel tocco mediorientale, sarà perche anche io mi sono buttata sui pistacchi e cioccolato! Domani lo posto!

    besos

    Rispondi

  • stella · 24 luglio 2011 alle 23:20

    Meraviglioso il tuo souffle’, se avessi avuto il tempo di fare una seconda versione, avrei fatto anche io uno al pistacchio, visto il mio amore viscerale verso il verde pistacchio di Bronte! Bello davvero!

    Rispondi

  • terry · 25 luglio 2011 alle 06:32

    Carinissima l’idea del coccio come contenitore… e che meraviglia sto soufflè… adoro l’acqua di fiori d’arancio!

    Rispondi

  • cinzia · 26 luglio 2011 alle 00:00

    chissà che profumo dal tuo soufflé, mi porta lontanissimo, brava, brava!

    Rispondi

  • Kosher Italian Food · 26 luglio 2011 alle 16:05

    Infernale? Paradisiaca? Entrambe. Eccessiva, Dantesca, insomma… non vedo l’ora di provarla :-))))))

    Rispondi

  • dauly · 29 luglio 2011 alle 11:03

    bella anche la versione con la ricotta, non credevo neanche si potesse fare e chissà perchè mi ero messa in testa che per il soufflè servisse rigorosamente la panna, boh!?
    e dato che le creme con la ricotta le adoro…mi piace!!

    Rispondi

Lascia un commento

«

»