beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Sciroppo di Rose

“Mettici un po’ di Vetrix”… Nel film “Il mio grosso, grasso Matrimonio greco”, ogni piccolo problema veniva risolto con una spruzzata del mitico lava vetri. Anche la parte materna della mia famiglia ha il suo vetrix personale, da almeno quattro generazioni: lo sciroppo di rose! Bambina negli anni ’60, pur se figlia di medico e farmacista, anzi, forse proprio per questo, ogni mio raffreddore invernale o, al contrario, sudata da caldo estivo, mal di pancia da intestino pigro o, al contrario, troppo attivo, venivano curati in un unico modo: un bel bicchierone di questo liquido profumato e color rubino, chiamato, da noi, il vino dei bimbi, rigorosamente preparato in famiglia, in quantità industriali, con le rose di maggio degli allora vasti giardini casalinghi genovesi. Nel maggio del ’90, davanti a un bicchiere di acqua e sciroppo, ho appreso di aspettare il primo dei figli, ai quali ho poi fornito innumerevoli biberon dissetanti da portare al nido o ai giardini. La scorsa domenica ho preparato la nuova produzione, lunedì Jacopo ha preso otto in latino… che sia davvero magico?

Ingredienti per 1 Litro e 1/2 di Sciroppo

  • 350 gr di Petali di Rose rosse profumate e assolutamente non trattate (le mie erano 11 Rose)
  • 1 Litro di Acqua, possibilmente di Sorgente (io uso una minerale naturale con basso Residuo fisso)
  • 1,25 kg di Zucchero.

Preparazione

Separare i petali e pulirli perfettamente a uno a uno, per eliminare ogni traccia di polvere o eventuali insetti. Lasciarli in infusione nell’acqua bollente per 24 ore .

Filtrare il liquido, che sarà rosso e profumato, con un colino e una garza e strizzare bene i petali, per far uscire tutto il liquido concentrato. Aggiungere 1, 250 kg, di zucchero, rimettere tutto sul fuoco e portare ad ebollizione, piano piano, rimestando continuamente. Far sobbollire per circa 15 minuti. Imbottigliare subito lo sciroppo di rose caldo e tapparlo molto bene. Si conserva a lungo (mesi), in dispensa o in frigorifero ed è ottimo, puro, nello yogurt bianco o sul gelato alla crema. Diluito (1 cucchiaio di sciroppo in un bicchiere di acqua fresca) è una bibita adattissima nelle calde giornate abbassa pressione.

 

BETEAVON!

 

 

10 commenti

  • letiziando · 11 maggio 2011 alle 16:27

    Aspetto meraviglioso… cerco invece di immaginarmi il sapore. Una vera schiccheria :)

    Rispondi

  • ZiaElle · 11 maggio 2011 alle 18:01

    Se ha di questi effetti me ne occorrerebbero subito un paio di litri ;)
    Che meraviglia mai visto prima. Non sapevo che le rose avessero effetti curativi…che bella scoperta, grazie!

    Rispondi

  • Autore commentato da Michela · 11 maggio 2011 alle 18:41

    @ letiziando Non immaginare solo il sapore, anche il profumo!!… E non immaginare, provalo!

    @ZiaElle … E chi lo sa? Basta crederci! ;) E poi 100 anni di tradizione collaudauta vorranno ben dir qualcosa! Un paio di litri? Te li mando subito :)

    Rispondi

  • alessandra · 11 maggio 2011 alle 21:17

    … e tu pensa che giusto sabato, ad una food blogger “furesta” che accompagnavo in giro per i caruggi, ho regalato proprio lo sciroppo di rose, spiegandole che da noi è l’equivalente del tè inglese: mia nonna ci curava tutto… addirittura tiepido, me lo propinava. E non più tardi di ieri ne ho comprato una bottiglia da un litro dal solito pusher, perchè ora le nostre rose son piene di veleni :-( ma a me ‘ste cose mancano da morire…
    Grazie per questo post, non puoi immaginare quanto mi abbia riscaldato il cuore
    ale

    Rispondi

  • Laura · 12 maggio 2011 alle 14:30

    Fossero tutte così le “medicine”! Oltre che miracoloso, dev’essere buonissimo!

    Rispondi

  • Patrizia · 15 maggio 2011 alle 21:58

    Anche la mia mamma lo fa proprio così e mi ha trasmesso la ricetta, praticamente identica alla tua! Lo facciamo (quasi) tutti gli anni, con i petali delle rose del nostro giardino (in Riviera, non in città)ed è davvero delizioso! Ma se mi dici che influisce anche così positivamente sui risultati di latino…:) (Sicura che il merito non sia proprio tutto del tuo ragazzo?)
    Ciao
    Patrizia

    Rispondi

  • Ferrarini Dario · 16 ottobre 2011 alle 18:23

    Buongiorno
    mi piacerebbe assaggiare questa bevanda. Mi può dire quanto costa e in che confezzioni è distribuita? Mi può anche dire quali sono le modalità di pagamento?

    Grazie

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 21 ottobre 2011 alle 08:44

      Buongiorno e grazie, ma non vendo lo sciroppo di rose. Le ho risposto in mail

      Rispondi

  • Daniela · 6 dicembre 2011 alle 22:23

    una sola domanda..come faccio a tenere le rose in infusione nell’ acqua bollente per 24 ore??

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 8 dicembre 2011 alle 13:58

      Ciao Daniela, l’acqua per i petali non deve bollire per 24 h. Deve essere bollente quando la versi, poi copri e lasci in infusione per un giorno :)

      Rispondi

Lascia un commento

«

»