beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Scaloppina (poco seria) di Falafel e Hummus

E’ chiaro, è per il solito M.T.Challenge, l’appuntamento mensile a cui ormai non rinuncio! Per questa tornata, Elisa ci ha proposto le scaloppine e, siccome questa “gara” è una cosa seria, ma poi mica troppo, mi sono permessa di giocare un po’ con il tradizionale piatto falafel + hummus + insalata israeliana. Gli ingredienti sono quelli classici, cottura e presentazione un po’ meno.

Solo per questa volta; da domani torno seria 😉

 

 

Ingredienti e Preparazione dei Falafel classici (circa 30)

  • 300 gr di Ceci secchi
  • 1 Cipolla piccola a pezzi
  • 2 Spicchi di Aglio
  • 1 Mazzetto di Prezzemolo (a me piace abbondante)
  • 2 Cucchiaini di Cumino
  • 1 Cucchiaino di Semi di Coriandolo macinati
  • Sale e Pepe nero q.b.
  • Olio per friggere

Scolare, asciugare e togliere le bucce ai ceci (rotolandoli dentro un canovaccio) dopo averli lasciati in ammollo per un giorno intero. Trasferire nel food processor i ceci, la cipolla, l’aglio, il prezzemolo, i semi di coriandolo macinati, il cumino, un pizzico di pepe, il sale. Frullare fino ad ottenere un impasto fine ed omogeneo.
Mettere in frigo il composto ottenuto per 2 ore. Con il composto formare delle polpette piccole e dorarle nell’olio ben caldo, girandole dolcemente. Quando le polpette sono ben colorite toglierle e asciugarle con la carta assorbente.

Nel caso il composto risultasse troppo liquido e non compatto, aggiungere un cucchiaio di farina

 

Ingredienti e Preparazione dell’Hummus classico

  • 250 gr di Ceci lessati
  • 2 Spicchi di Aglio schiacciati
  • 2 Cucchiai di Tahina
  • Succo di 1 Limone
  • Sale q.b.
  • Paprica, Prezzemolo e un Filo d’Olio EVO per decorare

Frullare i ceci ben lessati, la tahina, il succo di limone, gli spicchi d’aglio schiacciati e il sale fino ad ottenere un composto omogeneo abbastanza denso. Se risultasse troppo denso, aggiungere qualche cucchiaino d’acqua. Servire in una ciotola e decorare con il prezzemolo tritato, un pizzico di paprica e un filo di olio d’oliva extra vergine

Ingredienti e Preparazione dell’Insalata israeliana

  • 3 Pomodori grossi e maturi
  • 1 Cetriolo grande o 2 piccoli
  • 1 Cipolla dorata o bianca piccola
  • 1 mazzetto di Prezzemolo
  • Succo di 1 Limone e Olio extravergine per condire
  • Sale e Pepe nero q.b.

Tagliare i pomodori a quarti e levare i semi. Lavare i cetrioli, non sbucciarli, ma togliere i semi. Sbucciare la cipolla. Tagliare tutte queste verdure in dadini piccolissimi (devo essere davvero piccoli). Io ho usato un apposito affettaverdure che taglia a dadini di 0,5 cm. Mescolare i cubetti con il prezzemolo sminuzzato e condire con abbondante olio extravergine, succo di limone, sale e pepe

INGREDIENTI E PREPARAZIONE DELLA SCALOPPINA PER L’M.T.C. (1 Scaloppa = 1/2 Porzione)

  • 70 gr di impasto per Falafel
  • 2 Cucchiai di Farina di Ceci per impanare
  • 2 Cucchiai di Olio extravergine
  • 3 Cucchiai di Succo di Limone
  • 2 Cucchiai di Hummus
  • 2 Cucchiai di Acqua

Dall’impasto dei falafel, prelevarne circa 70/80 grammi e, con le mani, dare la forma di una scaloppa sottile. Passare la scaloppina nella farina di ceci e rosolarla brevemente per circa due minuti da ambo le parti, a fuoco alto, in due cucchiai di olio extravergine ben caldo. Scolarla e metterla da parte. Deglassare il fondo con tre cucchiai di succo di limone. Preparare il fondo di cucina con due cucchiai di hummus, mescolati a due cucchiai di acqua o brodo vegetale. Versare nella padella e lasciare restringere a fuoco basso. Aggiungere la scaloppina e finire la cottura. Servire la “scaloplafel” guarnendola con la sua salsa e con il contorno di insalata israeliana. Consigliata la scarpetta con la pita!

BETEAVON!

 

13 commenti

  • Eleonora · 18 giugno 2012 alle 15:06

    sarà pure poco seria…ma creativa al massimo. Tutti ilo sapore delle strade di Eretz concentrato in un piatto.
    Come sogno di andarci…
    un enorme bacio, Shavua Tov.

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 18 giugno 2012 alle 19:00

      E’ il mio stesso sogno… presto, spero, senza aspettare “l’anno prossimo a Gerusalemme”!… Andiamo insieme? :) :)

      Rispondi

  • Rosaria · 18 giugno 2012 alle 15:15

    dire che sei creativa e’ poco!!!….questa ricetta e il trionfo dei ceci..che io a-do-ro!!! bello e buono…

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 18 giugno 2012 alle 19:04

      Anche io, da genovese, adoro i ceci: farinata, cuculli, zuppa… e poi tutto quello che offre la cucina mediorentale e mediterranea!

      Rispondi

  • valeria · 18 giugno 2012 alle 16:14

    Mi piace un sacco, una fantastica idea per una scaloppina vegetariana….

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 18 giugno 2012 alle 19:21

      Di solito non scaloppo i falafel: mi piacciono così come sono, ma devo dire che è piaciuta a tutta-una difficile- (per i gusti)famiglia. Ha passato il “testmarito”… il ché è un gran risultato!

      Rispondi

  • daniela · 18 giugno 2012 alle 17:47

    Le tue “scaloppine poco serie” profumano di spezie e garantiscono una morbidezza davvero speciale! Idea originale che mi incuriosisce molto… mi piacerebbe assaggiarle….
    Buona serata
    Dani

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 18 giugno 2012 alle 19:18

      Il profumo dell’impasto dei falafel, aggiunto a quello dell’hummus e delle verdurine dell’insalata è qualcosa che riempie la casa e il cuore: sa di Israele!

      Rispondi

  • Elisa · 18 giugno 2012 alle 21:51

    Ahah scaloplafel è una denominazione bellissima! 😀
    Ok ora faccio la seria! Questa tua versione vegetariana della scalppina è stupenda: adoro i sapori e i profumi orientali ed è originalissima l’idea di trasformare due must della cucina mediorientale in scaloppine! Complimenti ^^

    Rispondi

  • TataNora · 19 giugno 2012 alle 11:27

    Ma sai che sono proprio tonta tanto?! Ho capito solo all’ultimo che la scaloppina era di … falafel!!
    Ma che meraviglia! Insalata compresa.
    Mi vergogno sempre più delle mie banalità… la classe non è acqua! Io mi consolerò pensando di rifare le tue, magari accompagnandole con un po’ di *pane e volpe* che sul neurone addormentato non guasta!
    A dopo.
    Nora

    Rispondi

  • rosalba · 20 giugno 2012 alle 15:13

    Cioè io ho pensato: ma si è dimenticata di scrivere che tipo di carne ha usato…hauhauhauhauahua :-) Tu sei il mio mito sorellinaaaa!! Questa ricetta farebbe impazzire mio fratello…ma non credo di essere capace a ripeterla, ci provo e tieniti pronta per i consigli 😉
    Baciuzzi

    Rispondi

  • Mapi · 21 giugno 2012 alle 20:41

    …Se questa è la tua scaloppina poco seria, tremo all’idea della ricetta seria che presenterai!!! Per me è semplicemente geniale!!!

    Rispondi

  • valentina · 21 giugno 2012 alle 20:49

    Ciao Michela ! La tua cucina è davvero affascinante….grazie ancora per la bella serata e per le meravigliose spezie che ci hai regalato …appena sono in vena proverò ad usarle…ti faccio sapere!
    A presto!

    Rispondi

Lascia un commento

«

»