beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Sarde a Beccafico

Pur nata in una città di mare, non lo amo in modo particolare. Mi piace l’odore, mi piace vederlo da lontano ogni tanto, immaginarlo, soprattutto in inverno, sapere che c’è, ma non mi manca. Quello che mi piace tanto, invece, è il pesce, in particolare quello povero, quello azzurro, quello che ha veramente il sapore del mare. Queste sarde, freschissime, hanno portato un’onda salata anche in mezzo alle risaie.

 

 

Ingredienti

  • 12 Sarde fresche e polpose
  • Olio extravergine d’oliva
  • 8 Cucchiai di Pangrattato
  • 50 gr di Uva sultanina
  • 60 gr di Pinoli
  • 1 Cucchiaino di Zucchero
  • 12 Foglie di Alloro
  • Un Ciuffo di Prezzemolo
  • Succo di ¼ d’Arancia o Limone
  • 1 Spicchio d’Aglio
  • Sale e Pepe nero macinato fresco

 

Preparazione

Pulire le sarde, levare le lische e le teste. Sciacquarle, asciugarle e aprirle a libro.
mettere in una padella il pangrattato, farlo dorare (facendo attenzione a non bruciarlo). Quando sarà ben colorito, levare la padella dal fuoco,  unirvi un filo d’olio e amalgamare bene.
In una scodella unire il pangrattato con l’uvetta e pinoli, lo zucchero, il sale e pepe, uno spicchio d’aglio e il prezzemolo (questi ultimi tritati finemente). Amalgamare bene, quindi adagiare su ogni sarda un po’ di ripieno. Ricomporre le sarde farcite e legarle con il filo da cucire, in modo da ottenere degli involtini che non perdano il ripieno. Disporle allineate in una teglia unta, alternandole a foglie di alloro. A questo punto innaffiare con un filo d’olio e poco succo di arancia (o limone). Spolverare con pangrattato e mettere in forno caldo, a 160°, per circa 15/20 minuti.

BETEAVON!

 

Un GRAZIE di cuore a Miranda, per il premio che mi ha donato:

4 commenti

  • rosalba · 19 agosto 2011 alle 17:46

    Michela che bello rileggere le tue bontà!! Io le alici, più che sarde, le ho preparate un po’ di tempo fa….ma ho messo il pane grattugiato condito anche sopra…sono venute un po’ troppo colorite, ma buone. Interessante chiuderle con uno filo da cucina… 😉
    Baci baci baci

    Rispondi

  • rosalba · 19 agosto 2011 alle 17:46

    Ahhh!!! Complimenti per il premio!!! :-)))

    Rispondi

  • letiziando · 19 agosto 2011 alle 20:27

    Davvero un gran saporito e succulento piatto. Molto bella anche la foto :)

    Rispondi

  • Acky · 19 agosto 2011 alle 21:21

    Pensa che le ho mangiate proprio oggi a Palermo! Le facevano arrotolate a involtino, anzichè a libro e infilate con lo stecchino. Sono buonissime, confermo! Io peró il mare lo amo e se nn lo vivo sto male! Sono come te…ma sulka montagna :)))) baci, a.

    Rispondi

Lascia un commento

«

»