beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Pita

Le pitot (plurale di pita) sono i “panini” più buoni e versatili del mondo. Si possono farcire con tutto quello che si ha o si vuole e sono un binomio inscindibile con i falafel e il kebab. E’ facile e rapido prepararle in casa (riescono sempre bene!) e possono essere congelate, per avere sempre una scorta di questo fantastico pane diffuso in tutti i paesi mediterranei, del Medio Oriente e del Nord Africa.

 

 

Ingredienti per 10 Pitot

  • 600 gr di Farina setacciata
  • 20 gr di Lievito di Birra
  • 1 Cucchiaino di Sale fine
  • 1/2 Cucchiaino di Zucchero
  • 1 Cucchiaio di Olio EVO
  • 300 gr circa di Acqua (dipende dalla Farina)

 

Preparazione

Sciogliere il lievito di birra in un po’ di acqua tiepida assieme allo zucchero. Lasciare riposare una quindicina di minuti. Mettere la farina, il sale e l’olio nella planetaria o sulla spianatoia. Aggiungere il lievito sciolto e cominciare a impastare, aggiungendo acqua poco alla volta, fino a ottenere una pasta soda ed elastica. Trasferire in una ciotola infarinata, coprire con un canovaccio e lasciare lievitare in luogo caldo e non umido per un’ora abbondante (la pasta avrà un volume di circa il doppio)

 

 

Dopo la lievitazione, accendere il forno a 250°, dividere l’impasto in 10 parti e stendere ciascun panetto con il mattarello per renderlo sottile.

 

 

Infornare le pitot a due o tre per volta su una teglia infarinata leggermente e lasciarle cuocere per pochi minuti (si gonfiano in meno di dieci minuti).

 

 

Sfornare, aprire la tasca e farcire a piacimento. Ideale con falafel, hummus e verdure fresche!

BETEAVON!

 

3 commenti

  • Terry · 10 giugno 2012 alle 17:31

    Che buona la pita… E che ben che ti è venuta, tasca perfetta, pronta per la farcitura 😉

    Rispondi

  • vera · 11 giugno 2012 alle 15:17

    Una volta ho segutio una ricetta per preparare questo pane e il risultato è stato disastroso, ma la tua versione è spiegata benissimo. Non vedo l’ora di provarlo.

    Rispondi

  • rosalba · 11 giugno 2012 alle 20:47

    Ma dai, sul serio escono dal forno con quella tasca??? E mo’ che c’ho il mio Kenwo ci provo pure io!! Certo non sarò capace come te…ma tu sei una grande maestra!
    Intanto sto facendo grandi scorpacciate di pane azzimo….quanto mi piace :-)
    Baci sorellina <3

    Rispondi

Lascia un commento

«

»