beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Foglie di Vite ripiene all’israeliana

Simili alle dolma greche, ma il ripieno di riso e agnello è arricchito da frutta secca, che conferisce il classico sapore mediorientale. Questa ricetta è adattata dall’originale di Daniel Rogov, il più famoso critico enogastronomico israeliano, recentemente scomparso a Tel Aviv.

 

 

Ingredienti per 12 Involtini

  • 12 Foglie di Vite fresche e tenere, della dimensione di circa un palmo (si possono usare anche quelle in Barattolo)

  • 150 gr di Riso a chicco lungo (crudo)

  • 300 gr di Agnello (o Manzo) macinato

  • 6 Prugne secche denocciolate

  • 50 gr di Uvetta

  • 30 gr di Pinoli

  • 1 Cucchiaio di Prezzemolo tritato

  • 1 Cucchiaio di Menta fresca tritata

  • 1/2 Cucchiaino di Paprika dolce (o Curcuma, nell’originale)

  • 4 Cucchiai di Olio extravergine

  • 1/2 Cucchiaino di Sale fino

  • 1/2 Cucchiaino di Pepe nero macinato al momento

  • 1 grosso Limone tagliato a fette sottili

  • 1 Bicchiere di Acqua

Preparazione

Se si usano le foglie fresche, lavarle bene e poi immergerle in acqua bollente per 5 minuti; per quelle in scatola: lasciarle a bagno 5 ore in acqua fredda. Scolarle e tamponarle con uno strofinaccio. Tritare grossolanamente le prugne, l’uvetta e i pinoli. In una ciotola, mescolare tutti gli ingredienti eccetto le foglie di vite, l’olio e il limone

 

Con l’impasto, farcire al centro le foglie di vite, che verranno arrotolate, ripiegando i bordi all’interno.

 

Foderare il fondo di una teglia con metà delle fette di limone e disporre sopra le foglie ripiene. Coprire con il resto delle fette di limone, versare l’olio e l’acqua

 

e cuocere in forno caldo a temperatura media (160°) per un’ora. Si possono servire sia calde che fredde, come antipasto, primo o secondo piatto.

BETEAVON!

 

 

6 commenti

  • rosalba · 27 giugno 2012 alle 14:05

    Ricordo di aver mangiato un piatto simile in Grecia, squisito! Approvo assolutamente la scelta dell’agnello. Non sapevo che il riso si mettesse crudo, interessante…e pratico 😉
    Brava sorellina….e che ne parliamo a fa’!
    Bacio :-)

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 27 giugno 2012 alle 15:30

      Crudo sì, il riso, ma non ho scritto che va lavato bene prima, oltre che per igiene, anche per fargli perdere un bel po’ d’amido che aiuterà cottura e consistenza.
      Bacioni :-*

      Rispondi

  • TataNora · 27 giugno 2012 alle 14:15

    Michela! Pensa che l’utima volta che sono stata in campagna, ho notato l’esplosione della vite che ho piantato vicino all’orto… Pensavo proprio di cercare qualche ricetta delle doma greche e .. mi arrivi tu e mi piacciono più queste!!!!
    Stessa lunghezza d’onda!
    Nora

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 27 giugno 2012 alle 15:32

      Che fossimo in sintonia lo avevamo capito. Prova questa: la frutta secca ha un suo perché!

      Rispondi

  • marinella · 1 luglio 2012 alle 22:18

    Eh, ma che meraviglia! In effetti conosco solo la ricetta greca (vado spesso in un ristorantino greco a Milano, che adoro veramente). La versione che ho provato ha un sapore particolarissimo, che non ci si aspetterebbe, quasi acre, anche se deliziosi. Li ordino sempre :) Mi riservo dunque di provare la tua versione! Grazie per la bella ricetta, pure blasonata!

    Rispondi

  • Patrizia · 2 luglio 2012 alle 17:24

    Che buone Michela! Simili a quelle gustate tanti anni fa… sento il profumo anche da qui!! Come ben sai, anche in Liguria ci sono ricette di foglie di vite ripiene, ma queste tue con frutta secca e menta, mi riportano in volo direttamente a Gerusalemme, tanti anni fa! Che meraviglia! Grazie della ricetta!!

    Rispondi

Lascia un commento

«

»