beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Due Chili in due Giorni

Che non è lo slogan di una dieta miracolosa, magari! Ma i piatti che ho cucinato per l’MTC di questo mese, il Chili con Carne, proposto da Anne (che consiglio a tutti di seguire :-)  ). Non voglio raccontarvi il mio Texas, sarebbe troppo lungo, noioso e pure un po’ triste. Non voglio ricordare il mio primo “Houston, abbiamo un problema” dei primi anni ’70, dove Houston non era la NASA, ma il centro cardiologico, l’unica speranza, al tempo, oltre il Sud Africa, per il cuore troppo grande della mamma di una bambina, per cui non c’è stato nulla da fare. Non voglio tediarvi con il Texas, quello rurale, sterminato, fatto di notti passate a “muovere” cavalli, perché, a 50° C, i cavalli li muovi di notte, quando fa più fresco per loro e per te, alzandoti alle 2, con un thermos gigante di caffè e vai a letto alle 9/10 del mattino, quando tutti iniziano a “vivere”. Voglio piuttosto segnalare una piccola chicca capitata qui a Milano, sabato sera, al Tex-Mex sotto casa. Mia figlia è celiaca. Ha avuto in regalo un buono per una Fajita vegetariana, una birra e un dolce. Va e dichiara la sua condizione. Le preparano, appositamente, tutto a parte, senza contaminazioni, compreso un dessert di fragole fresche a forma di cuore. Ecco, sarò sentimentale, ma chissà perché, quelle attenzioni, quella forma di cuore, sembrano chiudere un cerchio di tre generazioni… il Texas, qui, a Milano e pure nello stesso isolato… il destino… and Texas in my heart

# 1) WHITE CHILI (di Pollo) CON CECI E FRITTELLE DI FARINATA

 

Ingredienti per il Chili

1 Peperoncino rosso piccante (Pimento di Santo Domingo)

4 Peperoncini verdi dolci (Origine Marocco)

1 Kg di Petto di pollo a Dadini

1 Cipolla tritata

3 piccoli Spicchi di Aglio

2 Cucchiai di Olio EVO

1 Tazza da Tè di buon Brodo vegetale

1 Cucchiaio di Cumino

1 Cucchiaio di Origano

1 Manciata di Coriandolo fresco tritato

 

Contorno

250 gr di Ceci secchi

1 Pizzico di Bicarbonato di Sodio

Brodo di Verdura q.b.

Cipolla tritata, Olio EVO, Sale e Pepe q.b.

 

“Pane”

150 gr di Farina di Ceci

Sale, Pepe, Pizzico di Bicarbonato e Acqua Gassata q.b.

 

Preparazione del Contorno

Ammollare i ceci secchi per 12 ore, con un pizzico di bicarbonato. Cuocere i ceci nel brodo vegetale e “ripassarli” in tajine con un trito di cipolla stufata in olio. Aggiungere un po’ di brodo vegetale, se necessario e salare e pepare quanto basta, finché i ceci non saranno tenerissimi

 

Preparazione delle Frittelle di Farinata

Mescolare la farina di ceci con il sale, il pepe, il bicarbonato e l’acqua fredda gassata, fino ad ottenere una pastella densa e senza grumi. Lasciar riposare almeno due ore e poi friggere a cucchiaiate in olio di semi fondo e bollente. Scolare su carta assorbente e tenere in caldo

 

Preparazione del Chili di Pollo

I miei peperoncini erano freschi. Li ho disidratati in forno a 70° per circa 6 ore, con lo sportello tenuto appena aperto con un cucchiaio.

 

 

 

 

 

Ho poi eliminato i semi, li ho messi in ammollo appena coperti d’acqua e li ho frullati con la stessa acqua ottenendone una pasta di chili. Ho tagliato il pollo a dadi piccoli, ho stufato la cipolla tritata con due cucchiai d’olio per circa 5 minuti. Ho aggiunto l’aglio tritato e insaporito per 2 minuti, poi ho unito il pollo a dadini, la pasta di chili, il cumino, l’origano, il coriandolo fresco tritato e una mestolata di brodo vegetale. Ho lasciato cuocere a fuoco dolcissimo, semicoperto, per lasciar fuoriuscire i vapori, per circa due ore (il petto di pollo mette meno a cuocere del manzo), impiattato e servito con contorno e frittelle. Ottimo anche il giorno dopo!

 

# 2) Chili con Carne (di manzo) con Riso pilav al Peperoncino dolce e Tortilla di Mais Blanco

 

 

Ingredienti per il Contorno di Riso

200 gr di Riso a Chicco lungo non profumato

1/2 cipolla rossa tritata finemente

3 peperoncini dolci disidratati come da ricetta precedente, messi in infusione in acqua bollente, ma poi tagliati a striscioline finissime, NON frullati

450 ml di Brodo vegetale

2 Cucchiai di Olio EVO

Sale q.b. (non l’ho usato perché il mio brodo vegetale era già salato)

Preparazione

Stufare la cipolla con l’olio e le striscioline di peperoncini. Aggiungere il riso e girarlo perché si amalghimino i sapori e il riso tosti. Aggiungere il brodo bollente, sigillare con un coperchio e lasciare cuocere fino a completa cottura del riso. Sgranare e tenere in caldo.

 

Ingredienti per le Tortillas (8)

180 gr di Farina di Mais Blanco (Gluten Free)

Circa 180 ml di Acqua (regolarsi secondo la Farina)

Preparazione

Mettere la farina in una ciotola. Fare il classico buco in mezzo e iniziare a versare l’acqua gradualmente. Continuare ad impastare fino a ottenere una pasta morbida. Ottenere delle palline da golf dalla massa. Mettere una pallina alla volta in una busta per alimenti. Se avete la tortillera, pressare le varie palline, altrimenti usare un mattarello per appiattirle o un piatto piano, come ho fatto io

Scaldare a fuoco alto una padella piatta di ferro o di ghisa (deve essere caldissima) e cuocere le tortillas pochi secondi per parte. Devono essere un po’ colorite, ma non bruciate. Metterle da parte avvolte in una tela e tenerle in caldo

Ingredienti per il Chili di Manzo

2 Peperoncini piccanti (i miei erano freschi)

4 Peperoncini dolci (Li avevo già disidratati, regalo dell’amica Daniela- ABChef)

1 kg di Plate Cote, Residuo di Pesach (sarebbe il Biancostato senz’osso, penso), ma va bene qualsiasi parte dell’anteriore come la Spalla, per esempio. Tagliato a cubottini

3 Spicchi di Aglio tritati molto finemente

1 Cipolla bianca tritata altrettanto fine

2 Cucchiai di Cumino macinato

1 Cucchiaio di Origano

2 Cucchiai di Paprika dolce

un Ciuffo di Coriandolo fresco tritato

Sale q.b.

 

Preparazione

Preparare la pasta di peperoncini, come da indicazioni precedenti (consiglio: fatevene un bel po’ e conservatela in un barattolo ermetico in frigo). Mettere la carne nella pentola (una Dutch Oven, nel mio caso), aggiungere la pasta di peperoncino e iniziare a cuocere a fuoco basso (la carne, essendo piuttosto grassa, rilascerà il condimento necessario a far sì che non ci voglia olio o affini). Aggiungere l’aglio, la cipolla, il cumino, l’origano, la paprika e il coriandolo tutti mescolati assieme

Cuocere a fuoco bassissimo per circa tre ore, aggiungendo qualche cucchiaiata d’acqua se la carne dovesse risultare troppo asciutta.

Il Chili con carne (sia di pollo che di manzo) è un piatto perfetto per Shabbat, in quanto si può prepare in anticipo e poi riscaldare sulla plata e, devo dire, il giorno dopo la preparazione è ancora meglio!

BETEAVON!

 

9 commenti

  • Saparunda · 23 aprile 2013 alle 16:22

    Io non credo alle coincidenze…
    Dalle tue poche parole si percepisce tutto l’amore e la nostalgia per questa terra. Ed il cuore…passato e presente, vero e “dolce”, le attenzioni…sembrano veramente chiudere un cerchio!

    Bellissime entrambe le tue interpretazioni!!!

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 23 aprile 2013 alle 16:57

      :-) Il cuore ha, spesso, sempre ragione!

      Rispondi

  • Tatanora · 23 aprile 2013 alle 16:36

    Ma che favola il TUO Texas! Un solo rimpianto: quello di non essere riuscita a preparare il chili con te e le altre ottomane!
    Alla prossima ma… A cavallo!
    Nora

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 23 aprile 2013 alle 16:57

      Ma possiamo sempre farlo, quello di pollo che è più rapido, ma altrettanto saporito! Fuori concorso, con un contorno di cous cous alla peperonata e “piattine” di Falafel per pane… Usiamo i peperoncini dolci, così non si arrabbia il martirio 😉

      Rispondi

  • Ann · 25 aprile 2013 alle 16:40

    Michela, bellissime versioni entrambe. La prima con l’uso dei ceci in due modi, interi e in farina, mi attrae perche’ sono legumi che amo moltissimo. Le frittelle in particolare…yum.
    Per la seconda, il contorno di riso mi colpisce molto, davvero particolare, anche se i sapori sono del tutto diversi, all’aspetto inizialmente mi ha ricordato il riso alla maniera persiana.
    Ho letto con molta partecipazione il tuo legame personale col Texas.
    –Ann

    P.S. per capire il gioco di parole in Italiano del titolo ci ho messo un po’, ma poi ho capito :)

    Rispondi

  • Donatella · 26 aprile 2013 alle 14:43

    Adoro la farina di ceci, non facilissima da utilizzare in panificazione ma sicuramente molto particolare e piacevole nel sapore che sà donare ad una preparazione.
    Complimenti per tutta la ricetta.

    Rispondi

  • daniela · 26 aprile 2013 alle 16:53

    michela hai fatto uno splendido lavoro! Bellissime le due versioni, complete, piccanti al punto giusto, ma ti confesso una debolezza tale per i ceci, che mi fa propendere per la prima! Comunque , nel caso, sappi che un paio di cucchiaiate anche della seconda non le disdegnerei affatto:-)
    Grazie mille
    Dani

    Rispondi

  • francy · 29 aprile 2013 alle 20:03

    Ciao Michela! grandiose entrambe le versioni. Ti dò la notizia: Roger ha appena condiviso questo tuo post sul gruppo di facebook chiamato Chuckwagon cooking! ti lascio il link, https://www.facebook.com/ajax/sharer/?s=99&appid=2309869772&p%5B0%5D=100000046902837&p%5B1%5D=603324263012465
    bravissima!

    Rispondi

  • ann@ · 12 maggio 2013 alle 16:56

    che bel blog, curato nei minimi dettagli ^_^
    sono felice di averti scoperta, mi fermo molto volentieri…
    se ti va passa a trovarmi ne sarei felice

    Anna di http://unpodibricioleincucina.blogspot.it/

    Rispondi

Lascia un commento

«

»