beteavon

Buon appetito kasher a tutti

Danubio versione Kasher

E’ già un po’ che tengo d’occhio i contest mensili  di Menù Turistico, cioè l’ MTC e questo mese pensavo proprio di partecipare. Purtroppo ho visto che gli ingredienti suggeriti da Tery, non sostituibili, erano assolutamente incompatibili con quelli che posso usare, sia nella materia prima, che nelle associazioni. Poi ho letto una postilla: nel caso in cui ci sia un qualsiasi genere di intolleranza, si possono fare variazioni… E allora provo, io, persona estremamente tollerante a tutto e a tutti, a spacciarmi per intollerante a 1) strutto, 2) latticini associati con carni (per cui, se uso il grasso d’oca al posto dello strutto e metto un ripieno di carni, non posso più usare latte e burro). Per farmi perdonare e accettare, dirò che ho seguito in maniera maniacale il procedimento di esecuzione e le dosi, con un risultato ottimo non solo all’occhio e al palato, ma anche per il mio portafoglio: non devo gettare mestoli e ciotole, causa misture non ammesse e posso usare il mio Danubio personale per un allegro aperitivo in famiglia, stasera 😉

Ingredienti per circa 21/22 “Palline”

  • 500gr di Farina (300 gr Manitoba, 200 gr Farina 00) (“tollerato”)
  • 160 gr  di Latte di Riso 150gr di Latte
  • 3 Tuorli ed 1 Uovo intero (“tollerato”)
  • 1 Cucchiaino di Sale (circa 8-10 gr) (“tollerato”)
  • 10gr di Lievito di Birra (“tollerato”)
  • 40 gr di Zucchero (“tollerato”)
  • 1 cucchiaino di Miele (“tollerato”)
  • 80 gr di Grasso d’Oca fuso Strutto
  • 20 gr di Margarina parve Burro
  • Sale, Pepe e Latte di Riso da spargere e spennellare sulla Superficie prima di infornare

Ingredienti per il Ripieno

  • 150 gr “Prosciutto” di Petto di Tacchino
  • 150 gr di “Salame” di Manzo
  • 1 Bicchierino da Liquore di Moscato Bartenura

Preparazione

Tutto a mano (braccia, polso) per “espiare”, secondo le linee guida. Se senza colpe, usare l’impastatrice, che vi risparmia mezz’ora buona di ginnastica agli arti superiori!!

Sciogliere il lievito nel latte tiepido insieme al cucchiaino di miele. Una volta sciolto aggiungere la farina e iniziare ad impastare.
Unire l’uovo intero e 2 tuorli, lo zucchero e impastare fino ad assorbimento.
A questo punto aggiungere l’ultimo tuorlo rimasto con il sale e fare assimilare completamente all’impasto.
Quando le uova saranno completamente amalgamate unire il grasso d’oca e la margarina parve lo strutto e il burro e impastare fino a che non siano completamente assorbite e continuare ad impastare fino a che l’impasto non regga il “window test”, cioè, tirato davanti a una finestra, non si veda il panorama in trasparenza 😀 .Mettere a lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio.Trascorse circa 2 ore, sgonfiare l’impasto e formare un salsicciotto. Da questo ricavare tanti pezzetti da circa 35 grammi l’uno (pesati “one by one”), schiacciarli  con le mani per formare dei dischi e porvi al centro il trito dei due “salumi”, “impastati” con il bicchierino di moscato.
Chiudere i dischi, sigillandoli sul fondo in modo da formare una pallottola liscia. “Immargarinare” una  o due teglie e disporre le palline vicine, ma non attaccate.
Far lievitare fino al raddoppio in forno tiepido.
Spennellare con altro latte di riso e cuocere  in forno caldo a 220°  per 15/20 minuti a seconda del forno
BETEAVON!
Con questa ricetta partecipo per la prima volta al contest mensile MTC

 

.

 

 

 

 

8 commenti

  • Eleonora · 18 marzo 2011 alle 16:44

    sono curiosissima di sapre come ti è venuto, con il grasso d’oca che non ho voluto usare… buono???
    dimmi dimmi, ha un aspetto…. gnaaaammmmm

    hag Purim sameah

    Rispondi

    • Autore commentato da Michela · 18 marzo 2011 alle 16:57

      Prima che scatti “l’ora X” ;)… Con il ripieno salato, il grasso d’oca si amalgama perfettamente e non altera il gusto. Dato che in famiglia chiedono anche la versione dolce, con “NutellaKasher” (prossimamente qui), penso che sostituirò il grasso d’oca con la margarina, per stare sul neutro.
      Bacioni e Shabbat Shalom e Hag Purim Sameach!! :))

      Rispondi

  • the queen of chocolate · 19 marzo 2011 alle 01:08

    che bellino questo danubio!!!! chissà che buon sapore avrà la ricetta è molto originale complimenti 😉

    Rispondi

  • valerio · 19 marzo 2011 alle 11:56

    beh un Danubio rivisitato senza dubbio, ma di sicuro non meno buono. Un saluto

    Rispondi

  • Rosalba · 19 marzo 2011 alle 17:54

    Ecco appunto…mi chiedevo perchè non eliminare il grasso d’oca e aggiungere solo margarina…ma credo di capire che tra dolce e salato c’è differenza ed è proprio il grasso d’oca che fa la differenza, giusto??
    Comunque mi sembra un’ottima ricetta, sopratutto con tutte le limitazioni….
    Baci baci

    Rispondi

  • Tery · 20 marzo 2011 alle 23:07

    Ciao!
    Bella questa rivisitazione in chiave “intollerante”,
    Una idea utilissima e un risultato splendido!

    Tery

    Rispondi

  • lagaiaceliaca · 27 marzo 2011 alle 09:40

    vedo che ognuno ha le sue, di intolleranze! che meraviglia questa versione kasher!

    Rispondi

  • Glu.fri · 1 aprile 2011 alle 11:24

    Accumunate nell ‘ MTC da problemi di riconversione e introlleranze scopro il tuo bellissimo blog.
    Io sono a Buenos Aires, e la collettivitá si sta preparando para pessaj….ne vedremo delle belle e senza……farina (e lievito)….
    Un abbraccio dal Sud, Simonetta

    Rispondi

Lascia un commento

«

»